SCADENZE E MODALITÀ DI ADEMPIMENTO DEI PROCEDIMENTI INDIVIDUATI AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2 E 4 DELLA L.N.241 DEL 1990

Pubblicazione ai sensi dell'art. 24, c. 1 D.Lgs. 33/2013.

 

Procedure di competenza dell’Autorità di bacino

Procedimento conseguente ad istanza di parte o attivato d’ufficio Riferimenti normativi Provvedi- mento finale Atto di competenza della Autorità di bacino Natura dell’atto della Autorità di bacino Termine per l’adozione dell’atto della Autorità di bacino Documentazione da trasmettere alla Autorità di bacino Responsabile procedimento della Autorità di bacino Attivazione potere sostitutivo
 Istanza di sdemanializzazione delle aree appartenenti al demanio idrico statale  art. 5 L. 37/94 -art. 115 D.Lgs 152/2006   Decreto ministeriale di sdemanializ - zazione  Valutazione tecnica ex art. 17 L. 241/90 Parere di compatibilità rispetto alla pianificazione di bacino 90 gg. dal ricevimento della richiesta salvo interruzione del termine per esigenze istruttorie ai sensi dell’art. 16 c 4 L. 241/90 [1] Istanza di sdemanializ- zazione - Documentazione tecnica  Segretario Generale (o Dirigente / Funzionario designato)  Segretario Generale
Istanza di concessione di grande derivazione di acque pubbliche art. 96 D.Lgs 152/2006 Decreto di concessione di grandi derivazione di acque pubbliche superficiali o sotterranee  Valutazione tecnica ex art. 17, L. 241/90 Parere in ordine alla compatibilità dell’ utilizzazione con le previsioni del piano di tutela delle acque 90 gg. dal ricevimento della richiesta 1 Istanza di concessione, Progetto di massima e documentazione Segretario Generale (o Dirigente / Funzionario designato) Segretario Generale
Istanza di concessione di piccola derivazione di acque pubbliche  art. 96 D.Lgs 152/2006  Decreto di concessione di piccola derivazione di acque pubbliche superficiali o sotterranee Valutazione tecnica ex art. 17, L. 241/90 Parere in ordine alla compatibilità dell’ utilizzazione con le previsioni del piano di tutela delle acque  40 gg. dal ricevimento della richiesta 1 Istanza di concessione, Progetto di massima e documentazione  Segretario Generale (o Dirigente / Funzionario designato) Segretario Generale
Approvazione di piani e programmi (statali, regionali, interregionali, transfrontalieri) assoggettati a valutazione ambientale strategica art. 4-13-18, 30-32bis, D.Lgs 152/2006, D.Lgs. 4/2008, art. 15-25-46, LR 11/2004, DGRV 31 marzo 2009 n. 791 Parere motivato Valutazione tecnica ex art. 17 L. 241/90 Parere in ordine alla compatibilità dei piani/ programmi con le previsioni del piano di bacino in qualità di soggetto competente in materia ambientale 30 gg. dalla trasmissione del documento preliminare per la verifica di assogget- tabilità; - 60 gg. dalla pubblicazione nella GU o nel BUR della proposta di piano o di programma, del rapporto ambientale e della sintesi non tecnica per la consultazione Documento preliminare; Proposta di piano o programma, Rapporto ambientale preliminare, Rapporto ambientale, Sintesi non tecnica, V.Inc.A Segretario Generale (o Dirigente / Funzionario designato) Segretario Generale
Approvazione di progetti relativi ad opere (statali, regionali, interregionali, transfrontalieri) assoggettati a valutazione di impatto ambientale art. 19-29, 30-32bis, D.Lgs 152/2006, art. 23 LR 10/99, DGRV 1539/2011, Art. 11, LP 23/1992, LP 28/1988 Provvedimento di valutazione di impatto ambientale Valutazione tecnica ex art. 17 L. 241/90  Parere in ordine alla compatibilità delle opere con le previsioni del piano di bacino in qualità di soggetto competente in materia ambientale 60 gg. dalla trasmissione del progetto preliminare e dello studio preliminare ambientale per la definizione dei contenuti dello studio di impatto ambientale; 60 gg. dalla presentazione dell’istanza all’autorità competente per la consultazione Progetto preliminare - Studio preliminare ambientale; - Istanza definitiva - Progetto definitivo dello opere - Studio impatto ambientale- Sintesi non tecnica  Segretario Generale (o Dirigente / Funzionario designato) Segretario Generale
 Aggiornamenti del Piano per l’Assetto Idrogeologico  Art. 6 Norme di attuazione del Piano per l’Assetto Idrogeologico Decreto segretariale Decreto segretariale Parere in ordine alle modifiche, rettifiche, integrazioni puntuali e circoscritte del Piano per l’Assetto Idrogeologico  Diverso a seconda delle casistiche per cui si procede agli aggiornamenti Istanza Segretario Generale (o Dirigente / Funzionario designato) Segretario Generale
 

[1] Salvo interruzione per motivate esigenze istruttorie